Home - Archivio - Link - Contatti - Privacy Policy - Iscriviti alla Newsletter - Stampa questa pagina in PDF

I Democratici
Uscita n° 16 - 19 luglio 2012 
  Pagina 3 di 8, sfoglia »
1 Feste
  

“La rete è il mezzo, non il fine”
Le voci dal dibattito “Politica in rete: Europa, web ed Europei…” con Stefano Bonaccini, segretario del PD dell'Emilia-Romagna e Claudio Sardo, direttore de l'Unità

Categoria: Feste

Martedì 3 luglio alla  Festa Regionale del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna sono saliti sul palco il segretario Stefano Bonaccini e il direttore de l'Unità Claudio Sardo per affrontare il tema del rapporto tra politica e informazione. Un argomento complesso, in continua evoluzione, con nuovi media che sono saliti alla ribalta aprendo il campo a riflessioni sulle potenzialità che la rete offre alla politica dal punto di vista del dibattito e della partecipazione.

Con i due ospiti, sul palco, la giornalista Antonella Zangaro, che ha moderato l'incontro alternando alle proprie domande i quesiti posti dagli utenti di twitter. In occasione della serata è stato infatti organizzato un livetwitting (ovvero una diretta sul popolare social network) invitando gli utenti a collegarsi e a porre agli ospiti domande o spunti di riflessione.

Nella prima parte dell'incontro, si è affrontato il tema del terremoto e Bonaccini ha posto l'accento sulla mobilitazione del PD dell'Emilia-Romagna: "da subito abbiamo messo a disposizione strutture e volontari e abbiamo aperto un conto corrente per raccogliere fondi per i comuni colpiti dal sisma". In poco più di un mese sono arrivate donazioni per quasi 500mila euro "grazie anche alla rete" - ha proseguito Bonaccini. All'insegna della trasparenza, infatti, tutti i giorni sul portale del PD regionale viene pubblicato l'aggiornamento della raccolta e il dato viene poi rilanciato sui principali social network. La rete ha amplificato la nostra richiesta di aiuto e tanti cittadini stanno versando proprio perché sono venuti a conoscenza della raccolta del PD direttamente dal web". Ecco quindi la dimostrazione che il web può diventare uno strumento efficacissimo per veicolare informazioni e raggiungere un vasto pubblico a patto però, ha commentato Claudio Sardo "che si consideri la rete un mezzo al servizio di un fine e non viceversa". In caso contrario ci si esporrebbe al rischio di un nuovo populismo vissuto sul web con il pericolo "che si possano attirare consensi solo con un uso fine a se stesso dei social network e non veicolando contenuti, idee e progetti".

Nella seconda parte della serata la discussione ha seguito il filo delle sollecitazioni giunte da twitter: dalla sfida all'antipolitica "bisogna superare i populismi con proposte vere, che parlino di lavoro, scuola, ambiente, ricerca" il commento di Bonaccini, alla questione dei matrimoni tra omosesessuali: Sardo, "in Italia ci sono condizioni per affermare diritti delle coppie omosessuali senza spaccare il Paese".

Infine, in vista delle prossime scadenze elettorali, un accenno alle alleanze del PD, con Bonaccini che dichiara che "il Partito Democratico deve essere in grado di imparare dagli errori commessi sulle alleanze e proporre un'idea di Paese che metta al centro la crescita".

 

 





www.pder.it
Copyright © 2019 I Democratici :: Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Rivani, 35 - 40138 - Bologna
Testata registrata presso il Tribunale di Bologna - aut. n. 7844 - decreto 11/4/2008
Privacy policy - powered by Antherica Srl


Il sito web di I Democratici non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto